Il riso crudo fa davvero “esplodere” gli uccelli?

riso crudo

I matrimoni, oltre ad essere eventi importanti e gioiosi, sono fantastiche opportunità per gettare cose con o verso gli amici e parenti in modo socialmente divertente. Tra coriandoli, semi di uccelli, petali di rose o altro, c’è l’imbarazzo della scelta. Ma non c’era anche il riso? Certo, ma il suo utilizzo sta andando spegnendosi.

In antichità, il lancio del riso addosso agli sposi all’uscita della chiesa simboleggiava la prosperità e i futuri buoni raccolti. Ora, invece, viene addirittura vietato in alcuni posti perché, a differenza di coriandoli e petali di rose, sporca tantissimo e rimane a terra a lungo. Inoltre, su un pavimento liscio o bagnato, può causare rovinose scivolate.

Ma c’è anche un altro motivo: la preservazione della fauna selvatica. Molti ritengono che gli uccelli che mangiano riso crudo potrebbero morire o, addirittura, esplodere. È un mito urbano che nasce almeno 30 anni fa, precisamente negli Stati Uniti. Mae S. Schmidle, ex rappresentante dello stato del Connecticut, presentò un disegno di legge in cui chiedeva di vietare il lancio del riso alle cerimonie di matrimonio. Questa richiesta si appoggiava sulla convinzione di Mae che il riso crudo ingerito dagli uccelli non veniva poi digerito. Inoltre, nello stomaco si espandeva e provocava morti violente nei volatili.

Non mancò la risposta degli esperti di uccelli, che ritennero tali affermazioni alquanto sciocche. Non esistevano prove scientifiche che il riso crudo fosse dannoso per gli uccelli. Nonostante ciò, questo mito iniziò a diffondersi in tutti gli USA e poi nel mondo grazie anche ai personaggi dei programmi TV di successo. Addirittura i Simpsons avevano trattato questo mito in un episodio, per il disappunto degli ornitologi. In realtà, gli uccelli adorano il riso; alcune specie dipendono molto da esso per superare le difficili stagioni invernali.

Per confermare scientificamente la falsità di tale affermazione, qualche anno fa il professore James Krupa, docente di biologia presso l’Università del Kentucky, fece un esperimento insieme ai suoi studenti: verificare quanto si espandeva un chicco di riso a contatto con l’acqua. Invece, è stato scoperto che i semi di uccelli si espandevano molto più del riso (il 40% contro il 33%). In pratica, gli uccelli avrebbero dovuto mangiare riso anziché semi. Per sciogliere un altro dubbio, questa volta legato al riso istantaneo, considerato per i volatili più dannoso di altre varietà, il professore Krupa verificò anche quest’altro mito, dandolo da mangiare ad uno stormo di colombe e piccioni. Come aveva previsto, gli uccelli non ebbero nessun effetto dannoso e non avvenne nessuna “esplosione”.

Insomma, l’esperimento citato sopra non ha fatto altro che rafforzare l’idea che il mito “il riso fa esplodere gli uccelli” non è altro che… un mito. Anzi: le persone che solitamente lanciano semi agli uccelli nelle piazze o nei parchi farebbero bene a cambiare idea e optare, invece, per il riso.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi