Il gatto non usa la lettiera: cosa fare?

Il tuo gatto non usa la lettiera e non sembra aver intenzione di riprendere questa abitudine?   Ci sono delle ragioni precise a questo tipo di comportamento, soprattutto se hai notato che il gatto fa i bisogni in casa.

Quest’ultima cosa è evidente segnale di stranezza, poiché i mici non sporcano in giro, sono animali molto puliti. Ma vediamo quali possono essere i motivi che spingono il tuo gatto a non usare la lettiera e cosa puoi fare per risolvere il problema.

gatto non usa la lettiera

La lettiera è sporca

La prima ragione, forse quella più banale, è che la lettiera non è in buone condizioni. I gatti non amano fare i propri bisogni all’interno della sporcizia.

Controlla lo stato della lettiera e puliscila. In generale, questa operazione andrebbe fatta ogni 2-3 giorni, devi rimuovere gli escrementi solidi e i grumi e aggiungere nuovi sassolini nella vaschetta.

Odori fastidiosi

Se quando pulisci la lettiera utilizzi prodotti con un forte profumo, il gatto potrebbe infastidirsi e decidere di allontanarsi, perché molto sensibile agli odori.

Utilizza un detergente quasi inodore, della semplice acqua calda oppure un disinfettante apposito per lettiera.

Quando il gatto l’annusa deve riconoscerla come il suo luogo dove fare i bisogni e, se ci sono troppi odori, potrebbe decidere di evitarla.

Lettiera sbagliata

Hai cambiato il tipo di lettiera? Il cambio di consistenza può non piacere al tuo gatto che, di conseguenza, deciderà di non utilizzarla più.

I gatti prediligono sassetti piccoli con consistenza simile alla sabbia e senza odori profumati. Se vuoi comunque cambiare il tipo di lettiera fallo gradualmente: inizia mescolando un po’ del vecchio tipo con il nuovo per circa una settimana, in modo da valutare la reazione del gatto e farlo abituare.

Posizione della lettiera

Il gatto ha bisogno della propria intimità per fare i suoi bisogni, se la lettiera è posizionata in un luogo all’aperto, dove sono presenti bambini, cani o altri gatti, può scoraggiarsi e non utilizzarla.

In alternativa, potrebbe preferire un posto con maggiore privacy all’interno della casa. Se invece la lettiera è all’interno ma il gatto la ignora, il posto in cui l’hai posizionata potrebbe essere il problema.

Si trova vicino a lavatrici o asciugabiancheria rumorose? Questo potrebbe essere il problema. Spostala in un angolo tranquillo, dove può fare i bisogni senza preoccupazioni o distrazioni.

Inoltre, se hai messo la ciotola del cibo vicino alla lettiera, rimuovila quanto prima, perché la sua presenza potrebbe indurlo a smettere di usarla.

Trauma del gatto

Può capitare che il gatto non usi la lettiera perché l’associa a un trauma o a una brutta esperienza vissuta.

Ad esempio, potrebbe evitare di utilizzarla perché quando era li vicino gli è stata somministrata una medicina. Per risolvere, è meglio spostarla in un luogo diverso e più tranquillo.

Educare il gattino alla lettiera

Il gattino in casa può avere difficoltà ad abituarsi alla nuova lettiera, questo perché è trascorso poco tempo dal distaccato dalla lettiera precedente che la madre gli aveva insegnato a utilizzare.

Inoltre, un gattino di poche settimane ha problemi maggiori a contenere la vescica, pertanto, una volta in casa, sporca facilmente.

Per questa ragione è importante che abbia sempre facile accesso alla lettiera. Almeno nei primi giorni, potrebbe essere utile portare il gattino in una stanza a lui dedicata, per poi fargli esplorare la casa gradualmente, nelle settimane successive.

Ma come educarlo all’utilizzo?

Prima di tutto, scegli una lettiera adeguata alla taglia del gattino e posizionala in un luogo tranquillo e facilmente accessibile.

Introduci il gattino alla lettiera posandolo delicatamente al suo interno più volte al giorno, specialmente dopo i pasti o il sonno.

Lodalo ogni volta che usa correttamente la lettiera per rinforzare il comportamento positivo. Se ci sono incidenti, non sgridarlo mai, ma ripeti pazientemente il processo di addestramento.

Se hai ancora problemi con il gatto e l’uso della lettiera, ti consigliamo di chiedere consiglio al tuo veterinario di fiducia.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi