Insetto stecco: curiosità, habitat e riproduzione

L’insetto stecco, il cui nome latino è Bacillus rossius appartiene all’ordine dei fasmoidei, vive nel Mediterraneo nord-occidentale in particolare in Francia meridionale, Spagna e Italia.

Nel nord Italia troviamo solo esemplari femmina, che si riproducono per partenogenesi; mentre nel centro e a sud, sono presenti insetti sia maschi che femmine.

insetto stecco

È un insetto dalla grande dimensioni, le sue sembianze sono molto simili a un ramoscello, caratteristica da cui prende la denominazione. Scopriamo di più.

Aspetto dell’insetto stecco

L’insetto stecco ha una forma allungata e sottile, ed è noto per la sua incredibile capacità di mimetizzarsi tra i ramoscelli delle piante. La sua colorazione può variare dal verde al marrone chiaro, riuscendo così ad adattarsi perfettamente all’ambiente circostante.

La capacità di mimetizzazione è particolarmente evidente sia nello stadio adulto sia nelle ninfe. Queste ultime, nonostante siano le forme giovanili, sono praticamente identiche agli individui adulti, eccezion fatta per le dimensioni ridotte.

Le femmine possono raggiungere dimensioni notevoli, fino a 12 cm comprese le zampe, e sono più grandi dei maschi, che misurano circa 6,5 cm con le zampe.

Un tratto distintivo nelle femmine è la presenza di una sottile linea chiara che circonda l’addome, che ne facilita la distinzione dagli esemplari maschi. Sulla testa sono posizionate antenne, ocelli e occhi; il corpo esile è provvisto di ali, mentre sul dorso ci sono delle finte spine che aiutano l’insetto a meglio mimetizzarsi con il resto della vegetazione.

Le zampe garantiscono una presa salda a rocce e piante, presentano dei piccolissimi uncini e una piccola ventosa che garantisce stabilità.

Alimentazione degli insetti stecco

Gli insetti stecco seguono un regime alimentare fitofago, si nutrono soprattutto di biancospino, rovi, rododendro, ligustro, eucalipto, quercia, edera, lattuga, felci e tante altre varietà di piante.

Sono dotati di un apparato di masticazione molto robusto, che gli permette di nutrirsi anche della vegetazione più dura.

Habitat insetto stecco

L’insetto stecco vive nei cespugli di rovi o nell’erba. È possibile incontrarli in qualunque momento della giornata e di notte. È facile anche trovarlo sulle pietre o nelle fessure dei muri, dove a volte trova riparo durante la pioggia o quando si sente minacciato.

Questo insetto non punge e non vola, se si sente sotto minaccia, fa finta di essere un rametto oppure di essere morto. Se il pericolo è imminente, secerne un gas irritante ( non per l’uomo) contro i suoi predatori.

Insetto stecco: riproduzione

L’insetto stecco può riprodursi secondo due modalità: partenogenetica e sessuata. Nel primo caso, può avvenire per clonazione o modalità asessuata. Le uova di insetto stecco vengono deposte ma non fecondate. In autonomia, danno vita a dei piccoli insetti uguali alla madre, dei veri e propri cloni.

Nel secondo, l’insetto femmina e il maschio si accoppiano e il concepimento può durare a lungo, anche diverse ore.

Le uova sono di colore marrone scuro, vengono deposte nel terreno o su delle piante e resistono molto bene al freddo, anche più estremo. La schiusa avviene dopo circa 3-4 mesi, solitamente all’inizio della primavera.

Insetti stecco: quanto vivono?

Il ciclo vitale dell’insetto stecco dura un anno, durante il quale vengono alla luce nuovi insetti, durante la primavera e in estate. Un femmina produce fino a 16 uova alla volta, garantendo una buona continuità della specie.

Leave a Reply

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi